Londra: sventato piano dell’Isis per uccidere la regina Elisabetta

0
166

L’Isis avrebbe un piano per uccidere la regina. Stando a quanto rivela il Mail on Sunday, secondo la polizia e l’intelligence britannici i vertici dello Stato Islamico in Siria stanno complottando di far esplodere un ordigno (molto probabilmente realizzato con pentole a pressione come quello dell’attentato alla maratona di Boston nel 2013) durante le manifestazioni per il 70° anniversario dalla fine della Seconda Guerra Mondiale nel Pacifico, sabato prossimo, 15 agosto, a Londra.

Intelligence al lavoro

Scoperto il piano, le forze britanniche, in particolare le unità speciali di Scotland Yard che proteggono la famiglia reale e il primo ministro e il Mi5 (l’ente per la sicurezza e il controspionaggio del Regno Unito) hanno lavorato in una corsa contro il tempo per rivedere l’organizzazione del sistema di sicurezza e annientare ogni rischio di attentato contro Elisabetta II che, venuta a conoscenza del pericolo a cui potrebbe essere esposta, avrebbe manifestato comunque la sua determinazione a partecipare all’evento, trasmesso in diretta dalla Bbc, per rendere onore ai caduti in guerra. Oltre le minacce dirette di cui sarebbe stata oggetto la regina, fonti del giornale inglese rivelano che anche il principe Carlo e il primo ministro David Cameron potrebbero essere un possibile obiettivo.

L’evento

Non solo i reali e i principali rappresentanti politici, la manifestazione prevede la partecipazione anche di un migliaio di veterani con le loro famiglie. L’evento inizierà in tarda mattinata nella chiesa di San Martino nei Campi in Trafalgar Square, per poi proseguire con la parata militare a Horse Guards Parade e concludersi infine nel pomeriggio nell’abbazia di Westminster.